Phishing: Le nuove frontiere del falso d’autore nel web

Pubblicato il Pubblicato in Virus, XHTML-Design-Grafica Web

Phishing,

una truffa che ha già colpito tantissimi utenti, ma di cosa si tratta?

Semplice, la copia perfetta di un sito di un istituto di credito, una carta di credito e così via. Di solito arriva la richiesta di verificare il proprio accesso o alcune operazioni via e-mail, da li si viene dirottati con un link testuale ad un indirizzo fasullo dove, inserendo la nostra password e user, il gioco per loro è fatto…

In questo modo gli autori dei siti truffa, acqusiti i dati che abbiamo inserito e ignari del problema, hanno la possibilità di accedere agli homebanking, carte di credito, bancomat… le chiavi per farci rapinare il conto le diamo proprio noi!

Uno stumento che abbiamo trovato molto utile è stato il riconoscimento di Microsoft [tag]Explorer 7[/tag] dei siti [tag]phisching[/tag], è inoltre possibile registrarne altri la dove si riconoscessero delle palesi azioni riconducibili a questa truffa on-line.

Al riconoscimento del sito truffa, Explorer visualizza una serie di avvisi che consentono all’utente di capire cosa può succedere e come fare ad uscire dalla pagina, di chiudere la pagina o anche tutto Explorer, tutti gli altri browser non hanno questa opzione, probabilmente si sottovaluta questa minaccia.

Opere d’arte web, falsi d’autore che qualche volta rappresentano anche dei miglioramenti grafici e layout rispetto i siti originali, funzioni di apprendimento dati su data base e tutto quanto necessario per ingannare l’utente sprovveduto che in buona fede, consegna le chiavi al “ladro” permettendo così di fare operazioni a nostra insaputa.

Gli istituti di credito e carte di credito, hanno adottato anche un terzo codice che noi riteniamo utilissimo, la password per l’autorizzazione del movimento bancario, in questo modo è possibile tutelarsi in caso di phishing.

Ricordiamo sempre di guardare nella barra di navigazione e leggere l’indirizzo del sito che stiamo visitando, inviamo in copia allegata la mail truffa all’istituto di credito e chiediamo istruzioni o l’autenticità della stessa, i più distratti sono avvisati; senza strumenti di controllo come può essere Explorer 7 c’è da stare molto attenti!

Alex

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *