Geolocalizzazione, FourSquare e la Toscana

Pubblicato il Pubblicato in Social Marketing, Social Network, Web Marketing

Visitare la Toscana attraverso Foursquare…

Il fenomeno della Geolocalizzazione e dei possibili sviluppi in ambito commerciale, in social networking, promozionale, diventa realtà ed è uno scenario che nel corso della Prima Conferenza dei Sindaci di Foursquare era stato preso in considerazione.

Il primo evento italiano di “Professionisti della Rete” che hanno affrontato le tematiche legate al mondo di FourSquare, GoWalla e della Geolocalizzazione “dialogando” tra loro e condividendo esperienze, possibili sviluppi e applicazione sia in ambito professionale che strettamente sociale; e si… c’è da dire che questo tipo di applicativi nascono quasi come un gioco, una realtà sociale per condividere luoghi, impressioni e lasciare un commento, una nota, agli utenti che “segnalano” spontaneamente strutture alberghiere, ristoranti, luoghi d’incontro ecc…

In quella occasione, si è riusciti anche a conquistare lo Swarm Badge e intervistare via skype Dennis Crowley, cofondatore di Foursquare; molto si è appreso ma poi contano i fatti e in Italia i primi a crederci è stata una regione: La Toscana.

Prima Regione Italiana ad avere una branded page su Foursquare grazie alla quale condividere consigli pratici di carattere turistico, artistico ed enogastronomico con i viaggiatori.

Foursquare è un Location Based Service, un social network basato sulla geolocalizzazione che permette di fare “check-in” (cioè di confermare la propria presenza e condividerla con i propri amici) in un determinato luogo. In cambio, si possono ottenere consigli relativi a quella “venue” specifica ed offerte speciali. Ad alcune istituzioni privilegiate, Foursquare ha fornito una branded page customizzata che gli utenti possono aggiungere tra i propri amici in modo da poter seguire i “tips” ed, eventualmente, vincere i badge correlati.

Il potenziale di possedere una pagina brandizzata su Foursquare è stato compreso prima di tutti da Explore Chicago, la prima DMO (Destination Marketing Organization) che ha istituito una partnership con Foursquare a partire dallo scorso Febbraio 2010, seguita da VisitPA in Maggio e da Welcome to Yorkshire, la prima in Europa (1 Settembre 2010).

Visit Tuscany ha lanciato il proprio canale Foursquare il primo Ottobre 2010, diventando pioniera in Italia e tra le prime 10 al mondo. Come confermato recentemente in un’intervista ospitata dall’Osservatorio Italiano su Foursquare:

“Promuovere il territorio è uno dei nostri principali obiettivi. Per farlo, all’interno della campagna “Voglio Vivere Così” (creata appunto per promuovere le eccellenze della Regione Toscana nel mondo) utilizziamo il web e i social media e siamo sempre alla ricerca di strumenti innovativi per entrare in contatto con i viaggiatori ed instaurare con loro una relazione. Foursquare è una novità, riteniamo che abbia molte potenzialità ed ha i riflettori puntati contro, perciò abbiamo deciso di testare anche questo tool, che è perfetto per condividere tips di un territorio come la Toscana.”

Sono sempre di più le persone che fanno largo uso di smartphone nel mondo – il 29.7% degli americani e il 28% degli italiani, secondo i recenti dati Nielsen – e 4.5 milioni di essi sono già su Foursquare. La Toscana ha voluto quindi impiegare anche questo strumento per mettersi completamente a disposizione dei viaggiatori, strizzando sempre un occhio ai più geek.

A Dicembre 2010, la Toscana su Foursquare conta oltre 1600 followers e 300 persone hanno già “seguito” i suoi consigli, segnalandoli come “to-do”, cose da fare.

Quando si tratta di turismo, la regione Toscana è piena di primati. Recentemente Firenze è stata eletta dagli utenti di Tripadvisor come la città numero uno tra le migliori destinazioni per fare sightseeing nel mondo. Nel 2009 la Toscana è stata la prima DMO a mettere in piedi un “social media team” che gestisce tutti i profili ufficiali della Toscana sui social media (Social Media Network), tra cui una fan page Facebook ufficiale, tre blog verticali e dei canali Twitter. Di conseguenza, Visit Tuscany è divenuta anche la prima DMO in Italia ad avere una branded-page Foursquare.

Questo è quanto contenuto nel loro comunicato, bella e interessante come iniziativa, la prima e quindi… da tenere sotto “stretta osservazione”. Di certo, l’ultimo aggiornamento fatto da GoWalla, il software in italiano, gli itinerari (interessante per i viaggi enogastronomici – vedi i ristoranti, le cantine, agriturismi ecc), possibilità d’interazione (anche se con qualche bug da risolvere) tra FaceBook Place e FourSquare… mi fa pensare che forse, la carenza di questo tipo di programma FourSquare, applicativo per smartphone, è quello di non evolversi in maniera così tanto rapida rispetto a GoWalla. Risolvibile ovviamente, se l’iniziativa raccoglie consenso, diventa una utilità per gli utilizzatori… nulla vieterà ai responsabili di vedere anche di interagire con un software diverso, ampliarne la potenzialità e l’operatività sia per gli sviluppatori che per l’indotto turistico/commerciale della Regione Toscana.

Il futuro?

Geolocalizzazione, connessioni Wi-Fi gratuite, Twitter (micro-blogging) un potenziale ancora tutto da sviluppare dove, PMI (Piccola e Media Impresa) ha ancora tanto da poter fare e allinearsi con quanto si vede e si prova in altre nazioni della comunità Europea e internazionale.

Bello, non c’è che dire, speriamo di vederli alla prossima riunione dei sindaci e ascoltare anche più nel dettaglio, questi primi mesi “sperimentali” di una iniziativa branded-page su FourSquare.

In bocca a Google è il mio motto; in questo caso lo dovrei modificare: “in bocca a FourSquare…” gli utenti sono avvisati; la qualità, le note, i posti… sono tutte a portata di click; utente avvisato, soggiorno splendido e assicurato… in Toscana, per tutti gli altri, non resta che attendere!

Alex

Articoli Web Marketing

2 pensieri su “Geolocalizzazione, FourSquare e la Toscana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *