Frattura tra Web Agency e clienti?

Pubblicato il Pubblicato in CMS Weblog, Motori di Ricerca, Posizionamento sito web, SEO SEM Marketing, Servizio Google Top, W3C Standard e XHTML

Frattura tra Web Agency e clienti?

Forse si, la frattura esiste ma credo sia una transizione necessaria.

Sempre più spesso le aziende e clienti privati si rivolgono a web agency per la realizzazione di siti web e il posizionamento nei motori di ricerca per trarne anche vantaggi economici tuttavia, è difficile immaginare una rete non tecnologica e fatta di semplici persone che realizzano un sito web. I tecnici moderni, oltre il lato materiale che è la costruzione del sito web (webmaster), possono essere individuate due figure fondamentali per la riuscita di un sito web: i SEM e i SEO.

SEO SEM Web Agency Bologna

Il vero valore aggiunto delle moderne web agency è quello di creare un feeling con l’azienda, crescendo passo dopo passo fino al raggiungimento di mete, tradurre quello che può essere un semplice aspetto tecnico/tecnologico al vero e proprio marketing web. La meta deve essere comunque comune.

La frattura è forse determinata da una facilità di visione da parte degli operatori del settore che si traduce in scarsa comunicazione con il cliente che, suo malgrado, si trova spesso a non comprendere o ad obbiettare scelte fatte dalla Web Agency per l’interesse della risucita progetto web.

Una azienda che si rivolge a professionisti del web spera, anche dopo una valutazione economica per la realizzazione del progetto, di avere il massimo dei contenuti tecnologici e tra questi mi viene da pensare agli standard W3C e all’accessibilità. Volere un sito in flash e sperare che lo stesso sia anche accessibile, credo che basti a comprendere le difficoltà oggettive create da un limite tecnologico al quale gli sviluppatori non possono porre alcun rimedio. Il tecnico e la Web Agency possono però accompagnare il cliente verso scelte più adatte agli obbiettivi e trovare mediazioni. I clienti non hanno sempre ragione, il titolo di un vecchio articolo…

Immaginare oggi, pacchetti con listini a prezzi fissi per il web, è il caso di citare alcuni recenti articoli che riguardano Google Top o Google AddSite, mi sembrano quanto mai poco credibili, non deve mancare il rapporto umano e questo perché un progetto si sviluppa con il cliente e deve crescere nel tempo tanto da soddisfare l’utente, il cliente e il realizzatore, al contrario non ci sarebbe neanche quel sottile divertimento che mettiamo noi realizzatori…

L’affrontare un sito puramente d’immagine (sito vetrina), che tale resterà se non supportato da una strategia di crescita e di traffico mirato, che non soddisfi quella naturale e moderna visione di web utile e in continua evoluzione, rende vana la creatività. I blog, per esempio, sono stati e lo saranno ancora per tanto tempo, un soffio di nuova vitalità data dalla freschezza delle informazioni provenienti anche da “non addetti ai lavori”.

Anche un blog ha bisogno però di una strategia, affidati ad abili SEM e SEO Bloggers, i blog aziendali sono un tipico esempio di rivoluzione e sono serviti alle aziende per essere a diretto contatto con i propri utenti/clienti a vantaggio del servizio e del prodotto commercializzato evidenziando da subito, la trasparenza e la prontezza organizzativa di chi ha scelto quel tipo di comunicazione, informazione e novità su servizi/prodotti fino all’assistenza post vendita.

Se di frattura si deve parlare, la si deve attribuire agli addetti ai lavori che troppo spesso finiscono per dare dati e numeri e a non spiegare cosa si sta facendo, il perché lo si sta facendo, quelle web agency che ancora credono nella sola realizzazione di un sito web fine a se stesso che non coinvolga l’utenza, quei SEO che tanto scrivono ma che poco fanno per ripulire il web da brutture infestando le SERP da inutili fiumi di parole fatte per soli e pochi utenti per qualche attimo di notorietà nei motori di ricerca.

Non dimentichiamo che i siti attuali, i blog su tutti, crescono e si sviluppano grazie proprio agli utenti, ai consigli, a quello che vorrebbero trovare nel web alimentando e dando spunto di discussione e alla trasformazione stessa (vedi WordPress Open Source) passando quindi da un web freddo e passivo di qualche anno fa a una vera e propria interattività dove tutti, possono dare il loro contributo attivo. Non dimentichiamo anche la preparazione che dimostra l’utenza, per citare un esempio diretto invito a leggere i commenti all’articolo dedicato a Vodafone Internet Box e Huawei E220.

L’incremento dell’investimento pubblicitario online in Italia è in crescita, lo hanno capito gli operatori turistici, gli alberghi per esempio che sempre più spesso utilizano la rete come fonte principale di contatto con gli utenti fornendo anche degli ottimi contenuti d’informazione locale (Hotel a Roma) che in altro modo non si riuscirebbe ad avere come è il caso della bruttura creata dallo stato italiano con il suo CMS italia.it.

Grazie dunque a quanti ci hanno dato fiducia e ai tanti utenti che di giorno in giorno ci permettono di avere la possibilità di sviluppare, con loro, un web diverso a misura di utente.

L’articolo prende spunto da quanto letto da altri blog a cui è stato inviato il trackback.

Alessandro Vitale

DBATrade Consulenza SEM e SEO

Chi ha ragione, il SEM o il cliente?

Articoli Web Marketing

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *