Creatività per l’innovazione – di Gianni Clocchiatti

Pubblicato il Pubblicato in Business Web, Comunicazione Creativa, Web Marketing

creativita-per-l'innovazione-Gianni-Clocchiatti Titolo del libro: Creatività per l’innovazione
Autore del libro: Gianni Clocchiatti
Editore: Franco Angeli
Collana: Management Tools
Pagine: 216
EAN: 9788856800036
Anno di Pubblicazione: 2008
Prezzo: € 21.00

Creatività per l’innovazione parla di processi creativi applicati all’innovazione ed è realizzato per chi cerca soluzioni, per chi vuole saperne di più, per chi desidera una panoramica aggiornata e completa sul mondo della creatività. Nasce dall’esperienza diretta e dal confronto continuo con esperti internazionali.

Propone un metodo pratico ed efficace che utilizza la creatività per trovare nuove idee e soluzioni.

È concepito per le aziende e le organizzazioni, ma contiene anche utili strumenti e simpatici esercizi per migliorare la creatività personale.

Spiega il panorama internazionale, dagli anni ’50 ad oggi, delle diverse scuole di pensiero creativo e descrive le caratteristiche di una professione emergente: quella del facilitatore di gruppi creativi.

Il libro infine raccoglie ben 120 tecniche di creatività e di team building per la gestione dei gruppi creativi, ne descrive il funzionamento, gli scopi e il campo di applicazione.

Dietro ad ogni successo c’è sempre un’idea vincente, così come al seguito di un’idea creativa c’è sempre una tecnica efficace.

Quale tecnica possiamo utilizzare, e quando, per far decollare il nostro progetto? Con la matrice delle idee sarete in grado di scegliere la migliore tecnica da impiegare in funzione del risultato che volete raggiungere.

Siamo tutti creativi, ma qualcuno è più creativo degli altri.

Siete in grado di valutare l’efficacia creativa di un gruppo di lavoro?

Con l’indice ROC, Return on Creativity, potrete misurare la qualità delle idee prodotte dal vostro gruppo.

Il brainstorming è una delle tecniche creative più utilizzate; le regole indispensabili per realizzare un vero brainstorming sono solo quattro: le conoscete?

Di cosa parla il libro Creatività per l’innovazione di Gianni Clocchiatti?

“Dedicato al patchwork, ai lavori in pasta di sale e di semola, al decoupage, ai fiori secchi“. Così recita una delle prime voci che compare sullo schermo del computer quando, sul motore di ricerca Google, lanciate una ricerca sulla parola “Creativity”.

A seguire il relativo lemma di Wikipedia. Poi un universo di oltre 70 milioni di voci in qualche modo correlate.

Oggi più che mai questa parola viene utilizzata nei modi e nei contesti più insoliti e variegati. Creativa è una campagna pubblicitaria, ma anche un parrucchiere alla moda; creativo è un brevetto industriale, ma anche un giovane pittore newyorchese; un corso serale di decoupage, come un famoso scienziato. Tutto ormai è creativo, e la confusione dilaga.

Vogliamo perciò portare un po’ di chiarezza sul termine creatività: in questo modo il lettore potrà distinguere più facilmente tra i diversi tipi di creatività esistenti, comprendere come funzionano e in che modo possono essergli utili, concretamente, nell’esperienza professionale e d’ogni giorno.

L’ennesimo libro sulla creatività dunque?

No. Il primo libro sulle creatività.

Perché leggere questo libro?

Perché la creatività è il presupposto ad ogni tipo di cambiamento e di innovazione. Gli imprenditori sono consapevoli di questo, ma spesso non sanno come agire. ” I nostri concorrenti sono più creativi di noi. Qual è il loro segreto? Come possiamo essere più innovativi di loro?”.

Oggi all’interno di un’azienda la creatività può fare veramente la differenza, può essere la chiave del successo, ma occorre saperla usare.

Questo libro ha l’ambizione di fornire sia un quadro d’insieme dei diversi metodi creativi, sia alcuni strumenti operativi, sia una guida pratica per applicare, diffondere e sviluppare la creatività nelle aziende, per risolvere i problemi, per trovare soluzioni vincenti.

Il libro si rivolge quindi ai managere ai responsabili dell’innovazione delle aziende, delle organizzazioni e, perché no?, delle istituzioni, che desiderano migliorare e sviluppare i loro prodotti, i loro servizi, i processi organizzativi, il clima organizzativo.

Si rivolge anche ai professionisti, ai consulenti, ai formatori che forse già conoscono e utilizzano in vario modo i diversi approcci del Creative problem solving affinché possano trarne ulteriori spunti di riflessione e approfondimento e magari anche di discussione.

Si rivolge infine anche alle persone curiose, che vogliono capire, che amano sperimentare, che desiderano conoscere. A coloro che pensano che per ogni problema esistono sempre almeno due soluzioni.

Cosa troviamo nelle pagine del libro?

Il libro contiene un’introduzione, cinque parti, la bibliografia e gli allegati.

  1. Nella prima parte parliamo dei diversi tipi di pensiero creativo e in particolare di come funziona il pensiero generativo. Questo ci introduce alla definizione di creatività generativa intesa come modo di pensare, ma anche comodo strumento per produrre idee utili a risolvere i problemi. La creatività intesa in questo senso adotta un metodo, utilizza delle tecniche e si avvale di un gruppo di lavoro.
  2. Nella seconda parte del libro raccontiamo cosa sono e a cosa servono le diverse tecniche creative, introduciamo un nuovo modo per classificarle, la matrice delle idee, che ci guida nella scelta della tecnica più appropriata. Sveliamo inoltre come funziona il vero processo del Creative Problem Solving di Osborn e Parnes e presentiamo un nuovo indice, il ROC, Return on Creativity, utile a misurare la creatività di un gruppo di lavoro creativo. Ma le tecniche senza un gruppo che le utilizzi nel modo corretto, servono a poco.
  3. Nella terza parte del libro affrontiamo pertanto anche questo argomento: cos’è e come funziona il gruppo di lavoro creativo, il gruppo risorsa, e qual è il ruolo del facilitatore che lo fa funzionare.
  4. Una breve panoramica storica sulle diverse scuole di pensiero in materia di creatività sarà l’oggetto della quarta parte.
  5. L’ultima parte è dedicata a prospettare alcune ipotesi di applicazione di questi strumenti nelle aziende e nella società e presenta un nuovo approccio, il Creative Solution Finding, la nuova frontiera del pensiero creativo.
  6. Gli allegati infine raccolgono e descrivono il funzionamento di un’ampia selezione di tecniche creative e di team building, ben 120, suddivise e illustrate secondo i criteri presentati nel testo.

clip_image002

Selezionare l’immagine per ingrandirla

Chi è Gianni Clocchiatti, il suo profilo…

Quella di creativity coach è la definizione che preferisco, ma sono anche consulente di direzione e formatore. Ora anche scrittore. Da lungo tempo mi occupo di innovazione, creatività, cambiamento personale e organizzativo. Nel 2004 a Milano ho riunito intorno a me un gruppo di professionisti esperti e ho fondato eticrea che organizza laboratori di creatività e percorsi formativi esperienziali aziendali e di sviluppo personale. Conduco gruppi creativi e seminari aziendali utilizzando l’approccio del Creative Solution Finding.

Collaboro da tempo con aziende, organizzazioni internazionali e istituzioni pubbliche.

Ho una doppia formazione. I miei percorsi professionali mi hanno visto impegnato prima come manager di una multinazionale ed in seguito in uno studio internazionale di design dove le competenze manageriali hanno incrociato l’innovazione di prodotto, la creatività e la comunicazione. Nel mio incessante percorso formativo ho incontrato tra gli altri, Bruno Munari, Edward de Bono, Hubert Jaoui e Guy Aznar tra i maggiori esperti internazionali di creatività e grazie alla formazione diretta con Robert Dilts, Steve Andreas e David Gordon, tra i fondatori della Nlp, utilizzo da parecchi anni come trainer gli strumenti della Programmazione Neurolinguistica.

Faccio parte inoltre di AIF, Associazione Italiana Formatori e intervengo da anni in Italia a Crea Conference, la conferenza internazionale sulla creatività organizzata sul modello del Creative Problem Solving Institute di Buffalo, e in Francia ai Colloque de la Creativité, organizzati dall’Université Descartes di Parigi e da Créa France, Association française pour le développment de la créativitè, della quale faccio parte.

Queste esperienze sono alla base del libro Creatività per l’innovazione edito da Franco Angeli in libreria dall’ottobre 2008.

Gianni Clocchiatti

Articoli Web Marketing

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *